Il mercato immobiliare nelle grandi città italiane 2022

Il mercato immobiliare nelle grandi città italiane 2022

Luglio 21, 2022 Off Di expodigitale

Mercato immobiliare in crescita

Il mercato immobiliare italiano chiude i primi tre mesi del 2022 con 181.767 compravendite, in crescita del 12,0% rispetto allo stesso periodo del 2021. 

Nei primi tre mesi del 2022, le principali agenzie segnalano che il 74,9% delle compravendite intermediate ha riguardato l’abitazione principale, il 17,7% l’investimento e il 7,4% la casa vacanza.

Nel 1° trimestre 2022, oltre il 70% di tutte le transazioni ha riguardato la residenza principale; questa percentuale è scesa nel 2° trimestre al 67%. 

Nessun effetto a causa del conflitto

Il mercato immobiliare sembra non aver risentito del conflitto russo-ucraino.

Anzi, i prezzi in Italia stanno aumentando rapidamente e ci aspettiamo che continuino a farlo.

Prevediamo che il prezzo medio di una casa aumenterà del 2% nel corso del prossimo anno. 

Gli aumenti più consistenti si registreranno a Roma, dove i prezzi dovrebbero aumentare del 3% a causa dell’aumento della domanda di appartamenti, in quanto le persone si allontanano dalle famiglie per trasferirsi in città.

Prevediamo anche un aumento delle vendite di immobili, in quanto le persone approfittano dei costi più bassi e dei maggiori rendimenti degli investimenti.

Il mercato immobiliare di Milano

Si prevede che il mercato immobiliare di Milano sarà forte nel 2022. 

La domanda di immobili residenziali è destinata ad aumentare, poiché il numero di persone che si trasferiscono in città continua a crescere e gli addetti ai lavori hanno espresso interesse a costruire più case. 

La città ha anche un’alta densità di popolazione, il che significa che ci sono molte persone che vivono in spazi ridotti con un accesso limitato agli spazi verdi. 

Ciò significa che c’è una crescente domanda di appartamenti più grandi con giardini o balconi.

Il mercato immobiliare di Roma 

Il mercato immobiliare di Roma sarà forte e stabile nel 2022, con una crescita media del 10%. 

La crescita sarà trainata da una forte domanda da parte di acquirenti per la prima volta e di investitori. 

L’aumento della domanda di alloggi viene soddisfatto anche da un aumento dell’offerta. 

Negli ultimi anni a Roma sono state realizzate molte nuove costruzioni ed i costruttori stanno pianificando un numero ancora maggiore di nuove abitazioni per il 2022.

Il mercato immobiliare di Torino 

Il mercato immobiliare della città di Torino è caratterizzato da un’elevata domanda di immobili residenziali sia nuovi che vecchi. 

Questa domanda è trainata dalla crescita della popolazione, che è aumentata di oltre l’1% nell’ultimo decennio. 

Si prevede che il numero di persone residenti in città continuerà a crescere allo stesso ritmo fino al 2026.

Anche il numero di case in vendita Torino è aumentato nell’ultimo decennio, ma non così rapidamente come la popolazione. 

Anche il prezzo medio al metro quadro degli immobili residenziali è aumentato significativamente dal 2012, il che indica che oggi potrebbe esserci un eccesso di offerta di case sul mercato.

Mercato immobiliare di Firenze 

Il mercato immobiliare di Firenze nel 2022 sta mostrando segni di ripresa dopo un periodo di crescita lenta. 

La città ha registrato un aumento dei prezzi, un incremento della domanda e una diminuzione dell’offerta, ma ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere i livelli pre-recessione.

I prezzi sono in crescita dal 2017, con un aumento medio del prezzo al metro quadro del 3,9% dal 2017 al 2022. 

Questo tasso è superiore alla media nazionale, che ha registrato un aumento del 2,6%. 

In questo periodo, inoltre, a Firenze si è registrato un numero maggiore di compravendite rispetto alle altre principali città italiane, il che suggerisce una crescente domanda di immobili nell’area.

Tuttavia, nonostante queste tendenze positive, Firenze ha ancora molto da recuperare prima di poter rivendicare nuovamente il suo posto tra i mercati immobiliari più interessanti d’Italia. 

Sebbene nel 2016 i prezzi degli immobili fossero più alti di quelli attuali (di circa il 10%), erano ancora significativamente inferiori a quelli precedenti al 2008 (quando erano quasi il doppio).

Conclusione

Nel complesso, si prevede che il mercato immobiliare italiano continuerà a crescere nel 2022. 

Alcune aree potrebbero registrare una crescita più lenta di altre, ma nel complesso non ci sono ancora segnali di rallentamento.