I principali aeroporti in Lombardia

I principali aeroporti in Lombardia

Ottobre 23, 2021 Off Di expodigitale

Tra le regioni più importanti del nostro paese spicca, senza alcun dubbio, la Lombardia. Una regione che contribuisce in modo significativo alla formazione del PIL del paese, grazie al numero elevato di imprese e uffici finanziari. Lombardia, quindi, significa industria, business e finanza.

Basti pensare all’importanza che riveste la città di Milano, capoluogo di regione, dove è presente la Borsa Italiana, il luogo finanziario dove si decidono, non di rado, le sorti del paese, oltre alla presenza delle sedi più importanti di istituti di credito e imprese assicurative del nostro paese. Centro nevralgico dell’economia italiana, la Lombardia è dotata di infrastrutture che la rendono facilmente raggiungibile e consentono ai propri residenti di potersi muovere anche lontano dal proprio domicilio.

Malpensa: struttura d’eccellenza

Tra le eccellenze infrastrutturali lombarde, una citazione particolare la meritano quelle aeroportuali, che sono diventate di fondamentale in un mondo globalizzato e strettamente interconnesso come quello che stiamo vivendo da vent’anni a questa parte. E un paese come il nostro, particolarmente votato all’export, non può che disporre di strutture adeguate nella zona più effervescente dal punto di vista economico e finanziario.

La più importante struttura aeroportuale lombarda è quella di Malpensa, gestita dal comune di Milano ma situata nella provincia di Varese: il terminal 1 si trova nel comune di Ferno, il terminal 2 a Somma Lombardo. L’aeroporto di Milano-Malpensa è il secondo per numero di passeggeri in base ai dati pre-covid, secondo solo a quello di Roma Fiumicino, ma risulta, di gran lunga, il più importante scalo-merci con oltre 560 milioni di tonnellate scaricate nel corso del 2019.

Il grande impulso allo sviluppo di questo aeroporto è avvenuto negli anni ‘90 col progetto “Malpensa 2000”, che ha portata alla creazione dell’attuale “terminal 1” ubicato in località Ferno. Creato nel 1999 con lo scopo di alleggerire alcuni voli internazionali di Fiumicino e rendere meno gravoso il traffico su Linate, il terminal 1 è stato oggetto di importanti opere manutentive anche in occasione dell’Expo di qualche anno fa. Ed è, ad oggi, lo scalo più innovativo presente nel nostro paese.

Per chi, invece, vuole giungere direttamente a Milano senza dover sbarcare nella seppur non troppo distante Malpensa, la soluzione ideale resta senza alcun dubbio partire o sbarcare dell’Aeroporto Enrico Forlanini, noto al grande pubblico come “Aeroporto di Linate”, dal nome della località dove è sito lo scalo.

Linate per raggiungere comodamente Milano, Orio al Serio hub per voli low cost

L’apertura del Terminal 1 di Malpensa ha reso Linate un luogo ideale per chi parte da Milano e vuole raggiungere le più importanti città italiane ed europee e viceversa, mentre i grandi voli intercontinentali sono stati dirottati sulla nuova struttura. A differenza di quanto si ipotizzava negli anni ‘90, quindi, Linate è rimasto un importante e strategico scalo per i tanti milanesi che si devono muovere per lavoro o vacanza nelle principali città europee.

E lo è anche per chi deve giungere a Milano dal Sud-Italia o dalle principali città europee. Per giungere allo scalo è sufficiente prenotare un taxi per Linate, che in modo rapido e sicuro consente di raggiungere l’aeroporto milanese. La stessa operazione, per quanto ovvio, può essere compiuta per il viaggio inverso, ovvero recarsi in città una volta sbarcati al Forlanini.

Il secondo più importante aeroporto lombardo, però, è quello di Bergamo-Orio al Serio, che nel nefasto 2020, con oltre 3,8 milioni di passeggeri, è risultato il terzo più trafficato dell’intero Stivale. Il grande successo dello scalo bergamasco lo si deve, principalmente, a Ryanair, che ne ha fatto una delle tre basi operative principali dopo quella di Cork (Dublino) e Stansted (Londra).

Intitolato a Caravaggio, grande pittore bergamasco di fine ‘500, l’aeroporto di Orio al Serio è stato catalogato come uno dei dieci più belli scali low-cost al mondo, con un numero di viaggiatori – covid permettendo – cresciuto costantemente nel corso dell’ultimo quinquennio.