Che cosa è la Certificazione ISO 22000

Che cosa è la Certificazione ISO 22000

Gennaio 11, 2021 Off Di expodigitale

La Certificazione ISO 22000Food safety management systems – Requirements” rappresenta lo standard internazionale volontario che attesta la conformità ai Sistemi di Gestione della Sicurezza Alimentare (SGSA).

Questa norma ISO è stata redatta da un gruppo di lavoro formato da esperti provenienti da 23 Paesi, rappresentanti di organizzazioni internazionali come la GFSI, la CIAA, la Codex Alimentarius Commission e l’Associazione internazionale degli hotel e dei ristoranti.

La prima edizione è stata pubblicata a settembre del 2005 dall’Ente di normazione internazionale ISO. La seconda versione è entrata in vigore a giugno 2018. Introducendo i principi del pensiero basato sul rischio e la struttura Hls comune a tutte le norme sui sistemi di gestione più comuni.

Lo standard ISO 22000 è stato creato per armonizzare i precedenti standard nazionali e internazionali riferiti alla sicurezza alimentare ed all’analisi dei rischi e controllo dei punti critici (HACCP). Fornendo uno strumento gestionale organizzativo per la gestione ed il miglioramento delle performance sui requisiti per la sicurezza ed igiene alimentare.

La norma di certificazione dei sistemi di gestione per la sicurezza alimentare pur essendo la base di molti standard e norme per la certificazione alimentare, non è riconosciuta da GFSI, ma è la norma su cui si basa lo standard Fssc 22000.

Quindi la sua comprensione la rende fondamentale anche per l’implementazione, oltre che della norma di certificazione Fssc 22000, anche per gli standard di certificazione alimentare Brc, Ifs, Sqf e Global Gap.

La Certificazione ISO 22000 coinvolge l’intera filiera alimentare

La norma di certificazione ISO 22000 si allinea ai precedenti standard ISO 9001, sui sistemi di questione per la qualità, la ISO 14001, ambiente e ISO 45001 salute e sicurezza sul lavoro. Ed altri. Uniformandone la struttura per facilitarne la gestione integrata.

L’implementazione e la certificazione del sistema di gestione per la sicurezza alimentare non è obbligatoria. Ma tale certificazione volontaria costituisce un vero e proprio punto di riferimento gestionale nei regolamenti comunitari in tema di igiene e sicurezza alimentare.

Lo standard ISO 22000 è applicabile non solo dagli operatori coinvolti direttamente nel processo produttivo ma dall’intera filiera alimentare e da operatori non direttamente coinvolti come produttori di imballaggi, di detergenti, imprese di pulizia o disinfestazione, lavanderie industriali.

L’obiettivo è identificare con esattezza eventuali rischi e gestirli in modo efficace. Verificare l’adeguatezza dei prodotti alle norme e prevenire eventuali incidenti lungo tutta la filiera costituiscono due aspetti fondamentali per tutelare il brand e la salute dei consumatori.

Questo standard globale, di sistema, pubblico rappresenta il corpo di norme dedicate alla certificazione di sistemi di gestione della sicurezza alimentare. L’attenta gestione dei rischi diventa, per l’azienda, un vantaggio competitivo.

In tal senso, la norma ISO 22000 supera il concetto di controllo qualità a favore di un approccio preventivo.

Certificazione ISO 22000: vantaggi

Sulla base di quanto descritto finora, la certificazione volontaria del sistema di gestione per la sicurezza alimentare secondo la norma di certificazione ISO 22000 presenta diversi vantaggi:

  • corretta identificazione del contesto aziendale e dei requisiti applicabili;
  • identificazione degli stakeholder delle loro aspettative e delle azioni per raggiungerle;
  • pieno rispetto dei requisiti obbligatori imposti dalla legislazione e dei requisiti fondamentali;
  • garanzia di sicurezza agroalimentare “dal campo alla tavola” visto che coinvolge l’intera filiera alimentare;
  • identificazione dei rischi strategici e proattività nel rispondere e cogliere opportunità;
  • maggiore comprensione e identificazione dei rischi effettivi a cui sono esposti l’azienda ed i consumatori;
  • applicazione della metodologia HACCP secondo quanto previsto dalle norme per il controllo della sicurezza dei processi produttivi;
  • implementazione di strumenti per misurare, ottimizzare e monitorare efficacemente tutte le performance legate alla sicurezza agroalimentare;
  • comunicazione interattiva con flusso di informazioni verso l’interno e l’esterno dell’azienda per un controllo più efficace dei fattori di rischio;
  • riduzione al minimo del tempo di indagine su un’eventuale violazione della sicurezza alimentare per rispondere rapidamente a situazioni che possono compromettere i prodotti ed i processi produttivi;
  • sistema di gestione della sicurezza per il controllo di tutte le interazioni tra gli elementi che fanno parte del sistema stesso;
  • riconoscimento come fornitore affidabile e credibile del settore a livello internazionale;
  • fornitura di prodotti che soddisfano costantemente le aspettative e le esigenze dei consumatori, servizio efficiente ed affidabile;
  • capacità di incrementare il volume di affari in quanto la certificazione ISO 22000 spesso rappresenta una condizione fondamentale per la fornitura;
  • soddisfazione di tutte le parti interessate (clienti, autorità preposte al controllo dei requisiti di legge, intermediari commerciali, ecc.).