Quali sono i documenti di viaggio uguali al passaporto?

Quali sono i documenti di viaggio uguali al passaporto?

Giugno 1, 2021 Off Di expodigitale

Per un cittadino straniero in Italia, dopo aver chiesto ed ottenuto il permesso di soggiorno, è chiamato come step successivo a richiedere il passaporto. Al riguardo c’è da dire, prima di tutto, che maggiori dettagli su Info Immigrazione sono reperibili per ulteriori approfondimenti. Ma in generale si può affermare che, in certi casi, è possibile entrare in possesso di documenti di viaggio che sono uguali al passaporto, ovvero equipollenti.

A partire dal documento di viaggio e passando per il titolo di viaggio per stranieri e per il titolo di viaggio che è rilasciato agli apolidi. Il passaporto è infatti fondamentale ai fini della continuità del soggiorno regolare nel nostro Paese, ma caso per caso i documenti sopra indicati sono equipollenti.

Quali sono i 3 documenti di viaggio uguali al passaporto

Con il documento di viaggio che può essere rilasciato al cittadino straniero che risulta essere titolare dello status di rifugiato politico. Il titolo di viaggio per stranieri, invece, viene rilasciato al titolare di protezione sussidiaria, mentre il titolo di viaggio valido per 2 anni viene rilasciato agli apolidi, ovvero ai soggetti privi di qualunque cittadinanza.

Al posto del passaporto, per il cittadino straniero soggiornante in Italia, il documento di viaggio rilasciato al titolare dello status di rifugiato politico, il titolo di viaggio per stranieri rilasciato al titolare di protezione sussidiaria, ed il titolo di viaggio rilasciato agli apolidi, valido per 2 anni, sono in tutto e per tutto dei documenti di viaggio che sono validi per l’espatrio.

I documenti di viaggio uguali al passaporto, e quindi equipollenti, che sono rappresentati dal documento di viaggio, dal titolo di viaggio per stranieri e dal titolo di viaggio rilasciato agli apolidi, dove si richiedono? Al riguardo c’è da dire che questi 3 tipi di documenti equipollenti al passaporto si richiedono sempre, da parte del cittadino straniero, rivolgendosi presso la Questura competente per territorio, ovvero quella di residenza. Ma caso per caso a cambiare, pur tuttavia, è la documentazione da allegare.

Quali documenti bisogna presentare per i titoli equipollenti al passaporto

Nel dettaglio, per la richiesta del documento di viaggio, rilasciato al titolare dello status di rifugiato politico, serve la fotocopia del permesso di soggiorno in corso di validità, 2 fototessera, una marca da bollo da 73,50 euro e la ricevuta di versamento da 42,22 euro intestata, su apposito numero di conto corrente, al Dipartimento del Tesoro del MEF, il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Per il titolo di viaggio per stranieri, rilasciato al titolare di protezione sussidiaria, servono sempre le 2 foto e la copia del permesso di soggiorno. Ma in questo caso, tra l’altro, serve esibire in Questura pure una documentazione idonea che, nello specifico, vada ad attestare le fondate ragioni per cui, da parte della rappresentanza diplomatica o consolare in Italia, non può essere rilasciato il passaporto.

Per il rilascio del titolo di viaggio agli apolidi, con validità per 2 anni come sopra accennato, tra la documentazione da esibire, invece, c’è quella che è rappresentata dalla copia del provvedimento di riconoscimento dell’apolidia.